4 gennaio 2013

Mini-Croissants con Salmone e Robiola all’Aneto

Posted in antipasti e fingerfood, Le mie ricette, torte salate & affini tagged , , , , , , a 12:51 pm di pixel3v

Spesso è grazie al caso che nascono le idee migliori. E pochi giorni prima di Natale, il caso ha voluto che a casa di Luca mi ritrovassi con un trancio di salmone affettato così grande da non entrare nel frigo, complice un favoloso cesto (o “ceppo”, come si dice dalle mie parti) natalizio gentilmente offerto dall’azienda in cui Luca lavora (cesto che faceva pari col mio… Inesistente!)… Il risultato è stato che mentre il mio ciclista pedalava ignaro, io col suo supersalmone ho preparato diversi deliziosi fingerfood, tra cui questi Mini-Croissants con Salmone e Robiola all’Aneto, “ricetta” (se così la si può definire) di cui si trovano svariate varianti in rete e che, garantito, è di un facile imbarazzante… Non fatevi ingannare dai cornetti, ci vuole un attimo a prepararli (con la sfoglia pronta, ovvio) e fanno un figurone 😉

mini-croissants 1 72dpi

INGREDIENTI (per 16 mini-croissants)
1 rotolo di pasta sfoglia rotonda
200 gr. di robiola
2 cucchiai di yogurt bianco
1 bel mazzetto di aneto fresco
150 gr. di salmone affumicato
latte per spennellare
semi di papavero

PREPARAZIONE
Stendete la pasta sfoglia rotonda, dividetela a metà, poi ancora a metà, quindi dividete di nuovo ciascun quarto ed ancora a metà ogni spicchio, fino ad avere 16 triangoli di uguali dimensioni. Praticate sul lato corto di ogni spicchio un taglio verticale di circa 1 cm, quindi allargate leggermente il taglietto e, partendo dai due lembi così formati di ogni spicchio, arrotolate la sfoglia su se stessa fino a terminare con la puntina; cercate di dare al vostro “rotolo” la caratteristica forma arcuata del cornetto. Una volta arrotolati tutti e 16 diponeteli su una placca da forno ricoperta con carta forno, spennellateli con il latte e ricopriteli con i semi di papavero, quindi infornate a 200° C per circa 15 minuti. Una volta sfornati lasciateli freddare, e nel frattempo preparate la farcia lavorando in un ciotolino la robiola, lo yogurt e l’aneto tritato. Aprite a metà i cornetti facendo molta attenzione (io ci sono riuscita bene con un paio di forbici da cucina affilate), spalmateli con il formaggio, quindi poggiate su ognuno una fettina di salmone e richiudeteli. Servite freddi.

mini-croissants 2 72dpi

Ah, quasi dimenticavo (sì lo so, mi scordo spesso di queste cose): Buon Anno a tutti!

10 giugno 2011

Tagliatelle alle Mandorle e Semi di Papavero

Posted in Le mie ricette, pasta, pastasciutta & simili, vegetariani tagged , , , , , , a 12:14 pm di pixel3v

Vi capita mai di guardarvi indietro e sorridere al pensiero di come eravate, che so, anche solo due anni fa, constatando con stupore i cambiamenti, positivi o negativi che siano, che avete fatto? Io cerco di non farlo mai, o almeno, cerco di guardare molto più indietro piuttosto che al passato recente. Perchè se penso a com’ero due anni fa a quest’ora… Ecco, ero esattamente così, come adesso, nè più nè meno… Nessun passo avanti, nessun passo indietro, nessun cambiamento, nessuna svolta. La svolta che aspetto da un po’ e che non arriva mai. Ecco, io non vedo l’ora di potermi guardare indietro e dire: “Quanta strada ho fatto da allora!”, senza per questo però dover per forza riferirmi ai tempi del liceo 😛 Arriverà quel momento eh… E allora ripenserò ad oggi, 27 anni compiuti da una decina di giorni, e sorriderò al pensiero di come mi è cambiata la vita da allora. Ma questa è un’altra storia… Di fantasia, per adesso.
Bene, fine dello sfogo e spazio al cibo. Ecco, sì, una cosa c’è di diverso: i miei gusti in fatto di cibo son cambiati davvero, non c’è che dire. Queste Tagliatelle alle Mandorle e Semi di Papavero, qualche anno fa, non le avrei mai mangiate: odiavo le mandorle e neanche, credo, sapevo dell’esistenza dei semi di papavero. Se non altro, ecco, posso dire che dal punto di vista culinario mi sono senza dubbio arricchita… Ah: la ricetta, rivisitata leggermente, proviene da un’altra delle riviste di cucina anni ’90 gentilmente donatemi dalla suocera 😉

INGREDIENTI (per 4 persone)
80 gr. di mandorle a scaglie
20 gr. di burro
200 ml di panna fresca
50 gr. di farina di mandorle
20 gr. di parmigiano grattugiato
400 gr. di tagliatelle all’uovo (pasta fresca)
2 cucchiai di semi di papavero

PREPARAZIONE
In una padella antiaderente tostate a secco le mandorle per un paio di minuti, quindi tenetele da parte; nel frattempo, mettete a bollire l’acqua per la pasta. Nella stessa padella dove avete tostato le mandorle fate sciogliere il burro, quindi unite la panna, la farina di mandorle ed il grana grattugiato; lasciate cuocere a fuoco basso fino a che il tutto non si sarà addensato (giusto cinque minuti). Una volta cotte le tagliatelle scolatele al dente e fatele saltare per un paio di minuti nella padella, aggiungendo quasi tutte le mandorle tostate ed i semi di papavero; mescolate bene affinché il tutto si amalgami al meglio, quindi impiattate decorando ogni piatto con le mandorle rimaste.

Con questa ricetta partecipo al contest di Angela… Perchè le mandorle sono anche per me, anche se solo da pochi mesi, una vera e propria “gemma di bontà” 😉

13 aprile 2011

Biscottini Salati di Riso al Parmigiano con Semi di Papavero

Posted in antipasti e fingerfood, Le mie ricette tagged , , , a 11:31 am di pixel3v

L’altro ieri vi stavo dicendo appunto che, grazie ai miei amici sanvincenzino-senesi, avevo scoperto che  la Marmellata di Cipolle Rosse si sposava bene non solo coi formaggi, ma anche con certi biscottini salati e formaggiosi… Beh, signori e signore, ecco qua a che cosa mi riferivo 😛
Altra ricettina svelta svelta ma di sicuro effetto da proporre ad un aperitivo, questi Biscottini Salati di Riso al Parmigiano con Semi di Papavero fanno la loro porca figura, credetemi, col loro saporino formaggioso e la loro consistenza friabile… Uno tira l’altro! Ed è anche per questo che ho raddoppiato le dosi suggerite da Sigrid nel suo Regali Golosi (eh sì perché questa ricetta viene da lì!)… Perchè tanto in tempo zero i vostri ospiti ve li spazzoleranno, garantito! 😀 Anche se, non so bene perché, anche se utilizzassi le dosi di Sigrid, me ne verrebbero comunque di più (lei dice 20… Io, senza raddoppiare, meno di 35 non li ottengo, boh!).

I biscottini originali di Sigrid hanno lo zafferano in realtà, ma io la prima volta non l’avevo a casa ed avendoli preparati in fretta e furia per una cena dell’ultimo momento, unii al parmigiano dei semi di papavero (invece dello zafferano, appunto), che non hanno un gran sapore ma fanno colore e simpatia, IMHO 😳 Poi questa versione ha avuto così tanto successo che li ho riproposti anche in altre occasioni (Ad esempio, appunto, per portarli dai miei amici sanvincenzino-senesi!), senza mai provare con lo zafferano… Ma anche così son favolosi 😉

INGREDIENTI (per circa 80 biscottini rotondi, diametro circa 4 cm)
240 gr. di burro a temperatura ambiente
200 gr. di parmigiano grattugiato
200 gr. di farina 00
160 gr. di farina di riso
5 cucchiaini di semi di papavero
1 pizzico di sale
2 tuorli

PREPARAZIONE
Con una forchetta o con le dita, mescolate il burro morbido con il parmigiano, quindi unite le due farine, i semi di papavero ed il sale e mescolate. Unite quindi i tuorli ed impastate bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Formate una palla e lasciate che l’impasto riposi al fresco per almeno un’ora.
Trascorso il tempo di riposo, stendete l’impasto con il matterello a circa 0,5 cm, quindi ritagliate i biscotti della forma che preferite. Poneteli su una leccarda rivestita con carta da forno e fate cuocere nel forno già caldo a 200° C per 10 minuti.

E dopo il cibo, la musica: questo è secondo me il pezzo più bello degli ABBA… La canzone si chiama The Winner Takes It All e, tra parentesi, spero (non ci credo granchè, ma ci spero tanto…) sia di buon auspicio per stasera… Chi vince prende tutto, dunque… Non si vince (ditemi voi, 4 gol di scarto bisognerebbe fare!!), ma se si vince… 😀 Mettetecela tutta ragazzi, almeno quello… Almeno la soddisfazione di vedere in campo 11 guerrieri e non 11 pecorelle, quello sì eh! AMALA!

12 luglio 2010

Insalata di Germogli di Soia, Sedano e Pere

Posted in insalate miste, Le mie ricette tagged , , , , , , , , a 4:28 pm di pixel3v

Ecco un’altra insalatina rapida, fresca e sfiziosa 😉 Ultimamente mi sto lanciando in accostamenti di sapori un po’ insoliti, lo so, sarà il caldo che mi dà alla testa 🙄 No, in realtà il fatto è che con le temperature che superano i 40° verrebbe da mettere in tavola solo pomodori, mozzarella e frutta fresca… Però non mi va di rinunciare ai miei piccoli momenti-esperimenti culinari, quindi sì, io continuo a cucinare proponendo piatti mangiabili anche con queste temperature torridissime 😕 … Pur cercando di variare 😉 Ed anche in questa Insalata di Germogli di Soia, Sedano e Pere, come vedete, la varietà non manca 😉 Ecco come procedere:

INGREDIENTI (per 3 persone)
1 pera
150 gr. di germogli di soia
4 coste di sedano
1 mazzetto di erba cipollina
2 cucchiai di salsa di soia
1 cucchiaio di olio di sesamo
1 cucchiaio di aceto di riso
1 cucchiaino di semi di senape nera
50 gr. di parmigiano

PREPARAZIONE
Sbucciate la pera, eliminate il torsolo e tagliatela a dadini; ponete i cubetti in una ciotola piena d’acqua per evitare che anneriscano. Lavate bene i germogli di soia e scolateli, quindi metteteli in un’insalatiera ed unitevi il sedano tagliato ad anelli e l’erba cipollina tritata. Preparate un’emulsione con salsa di soia, olio di sesamo ed aceto di riso; scolate i dadini di pera, uniteli agli altri ingredienti, quindi condite il tutto con la salsina preparata, amalgamando bene. Infine unite i semi di senape ed il parmigiano fatto a scaglie e servite.

Ed eccoci alla musica: col classico non si sbaglia mai… E allora eccovi i The Offspring con Come Out and Play 😉

26 maggio 2010

Crackers con Curuma, Semi di Papavero e Sale Nero delle Hawaii

Posted in antipasti e fingerfood, Le mie ricette tagged , , , , a 6:17 pm di pixel3v

Oggi si cambia colore!! Piccola pausa giallo/arancione, come la curcuma, ebbene sì, dopo tanto verde…
Oggi ho provato a fare i crackers, ottimi per accompagnare salsine e formaggi freschi, una valida alternativa al classico pane… E spesso non si pensa a quanto sia semplice prepararseli da soli piuttosto che comprarli confezionati. Senza contare che, nella preparazione fatta in casa, si può dare libero sfogo alla propria fantasia… Così mi sono guardata intorno e ho pensato: “voglio dei crackers diversi dal solito; ci voglio la curcuma; ma soprattutto… ho comprato degli ottimi semi di papavero di recente, e devo pure iniziare ad usarli… per non parlare del sale nero!!”.
Tra tutte le ricette che si trovano in rete, quella de La Cucina di Adina mi è sembrata la migliore (credo proprio che lo sia, dal momento che non sono la prima che ne trae spunto, cercare per credere!), e se non altro è l’unica che non utilizza lievito né carbonato d’ammonio; la ricetta la trovate a questo link; io l’ho seguita alla lettera, anche se ho “aromatizzato” in modo un po’ differente 😉
Ringraziando quindi Adina per la ricetta di base, ecco qua i miei Crackers con Curcuma, Semi di Papavero e Sale Nero delle Hawaii:

INGREDIENTI (per circa 100 crackers di 4 x 4 cm)
250 gr. di farina 0
8 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 bel pizzico di sale nero delle Hawaii
12 cucchiai d’acqua (più o meno 40 ml)
3 cucchiaini di semi di papavero
3 cucchiaini di curcuma

PREPARAZIONE
Impastate la farina con l’olio ed il sale, quindi lavorate bene la pasta aggiungendo un cucchiaio d’acqua alla volta; alla fine la pasta dovrà risultare morbida ed elastica. Copritela con un panno e lasciatela riposare una mezz’ora.
Trascorso questo tempo, con il mattarello stendete la pasta il più sottile possibile su una spianatoia leggermente infarinata, spolverizzatela con i semi di papavero e la curcuma in modo più omogeneo possibile (*), quindi ripiegatela su se stessa e ripetete questa operazione più volte, stendendo ogni volta la pasta il più possibile; alla fine la sfoglia dovrà risultare finissima. A questo punto ricavatene dei quadrati con una rotella (o con uno stampino della forma che preferite) e bucherellate ogni cracker con i rebbi di una forchetta. Ponete quindi i crackers su una teglia coperta con carta da forno, spolverizzate con un ultimo pizzico di sale, quindi cuocete a 180° C per circa 20 minuti.
E’ importante che i crackers siano croccanti (non bruciacchiati ovviamente!) e non gommosi, quindi non toglieteli troppo presto dal forno, ma neanche troppo tardi 🙂
Se vi avanzano poneteli in un contenitore con chiusura ermetica ed andranno avanti per un paio di giorni.

(*) questo Adina non lo dice, ma credo di poter affermare che con questa ricetta mi sono venuti dei crackers “veri”, ossia belli “sfogliosi”, proprio per questo motivo: nelle altre, svariate, prove che ho fatto avevo sempre impastato le spezie in polvere ed i semi insieme alla farina, e più che dei crackers mi uscivano dei croccantini o dei salatini (molto “biscottosi” insomma, benchè fossero comunque sempre croccanti); adesso ho capito invece che lo spolverizzare la pasta (con qualunque cosa: spezie, erbe aromatiche etc.) richiudendola a metà e poi ancora a metà etc. permette lo sfogliarsi dell’impasto, favorendo la riuscita della ricetta 😉

Come dicevo prima, ognuno di voi con questa ricetta potrà utilizzare la fantasia; tra farine, spezie in polvere e semini vari potete sbizzarrirvi come vi gira… O anche in base a quel che avete in frigo e in dispensa 😉

Con cosa ho accompagnato i miei crackers? Scoprivatelo, su Pixel3v Channel :mrgreen: E nel frattempo… godetevi Cirano, splendido pezzo di Francesco Guccini 🙂

22 marzo 2010

Biscotti Salati al Curry con Semi di Papavero

Posted in antipasti e fingerfood, curiosità, Le mie ricette tagged , , , , , , , , , , , a 7:01 pm di pixel3v

SOTTOTITOLO: Taste, in Viaggio con le Diversità del Gusto @ Stazione Leopolda (Firenze) 13/15 marzo 2010

Dal 13 al 15 marzo 2010, alla Stazione Leopolda di Firenze si è svolta la quinta edizione di Taste – in Viaggio con le Diversità del Gusto, il salone dedicato alle eccellenze del cibo italiano e alle biodiversità della tavola nell’era globale, un’esperienza divertente e coinvolgente, alla scoperta dei tanti modi in cui oggi si esprime e si sperimenta il gusto. L’evento era suddiviso in 5 padiglioni:
Taste Tour
, il percorso di degustazione dei prodotti proposti dalle aziende, per conoscere e approfondire le ricchezze gastronomiche del nostro Paese: dalla vellutata al tartufo nero ai cioccolatini al Parmigiano, dalla passata di pomodorini Prunilli al miele d’erba medica, dalla pasta secca all’uovo lavorata a mano su trafile di bronzo al prosciutto al forno medievale, fino al formaggio stagionato di latte di bufala, la confettura all’aceto balsamico e la marmellata di olive taggiasche…;
Taste Tools
, gli oggetti di food & kitchen design, i capi di abbigliamento, le attrezzature tecniche e professionali per la tavola e la cucina;
Taste Shop
, il negozio dove acquistare i prodotti esposti e degustati, una sorta di department store dei cibi esclusivi;
Taste Ring
, una serie di talk show e di incontri con i protagonisti della cultura della tavola, dedicati ai temi più curiosi e caldi del lifestyle legato al gusto, agli abbinamenti imprevedibili tra il cibo e i più disparati aspetti della vita sociale, economica e culturale;
Taste Press
, l’area dove viene presentata una selezione di riviste e di progetti editoriali dedicati all’eno-gastronomia.
Taste ha raccontato e mostrato le radici della cultura enogastronomica italiana, la sua straordinaria pluralità e capacità di essere patrimonio internazionale. Al centro del progetto espositivo, il gusto come valore in ascesa della nostra epoca, dove si combinano una pedagogia della nutrizione, l’estetica e il design, l’uso di tutti i nostri sensi e le diverse versioni del lifestyle contemporaneo (fonte: Pitti Immagine).

Qui vi lascio un contributo della giornata, (riprese e post-produzione by Luca del Grande)… Niente musica oggi quindi, ma video 😉

Il mio post arriva un po’ tardi, lo so, ma la manifestazione ha avuto così tanto successo che sicuramente potrete appuntarvelo per il prossimo anno. Inoltre, il mio post è anche un pretesto per introdurre questa mia ricetta: i Biscotti Salati al Curry con Semi di Papavero. Eh sì, perché tra tutte le delizie che io, Claudia, Nicola e Luca abbiamo degustato al Taste, questi biscottini mi hanno colpita in modo particolare, e non appena mi è stato possibile ho provato a riprodurli! Ecco quindi la ricetta di questi straordinari biscotti salati:

INGREDIENTI (per circa 60 biscottini rotondi dal diametro di 4 cm)
300 gr. di farina 00
150 gr. di burro
½ bicchiere di latte
4 cucchiaini colmi di curry
3 cucchiaini rasi di semi di papavero
1 cucchiaino colmo di sale

PREPARAZIONE
Mescolate la farina, il curry, i semi di papavero ed il sale. Aggiungete quindi il burro precedentemente fuso ed il latte, poco alla volta, mescolando bene. Se la pasta vi sembra troppo dura aggiungete altro latte, ma senza esagerare. A questo punto stendete l’impasto (non troppo basso) e intagliate i biscottini nelle forme che preferite (io li ho fatti rotondi). Infornate a 180°  C per 20/25 minuti. Servite a temperatura ambiente.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: