7 marzo 2011

Il Tiramisù della Nonna Lilia

Posted in calcio, dolci & desserts, dolci al cucchiaio, Le mie ricette tagged , , , , , a 11:51 am di pixel3v

Dire che soono euforica è un eufemismo. Oddio, beh, insomma, diciamo che lo ero ieri… Oggi siamo di nuovo nel mondo reale. Ieri invece ho vissuto una favola… Una favola dai colori neroazzurri 😀 Ero a San Siro, ebbene sì, per la prima volta ho visto giocare la mia Inter in casa e, che dire… Non c’è paragone! Hai voglia ad andare a Firenze, a Empoli, a Siena… Ok, i chilometri che mi dividono da queste città toscane son bazzecole in confronto a quelli che abbiamo dovuto percorrere per raggiungere Milano, ma… Volete mettere essere in casa? L’atmosfera, il clima, l’aria che si respira…. Tutto è una favola, il tempo ci ha assistiti, ho visto una goleada che mai mi sarei immaginata… E insomma… Fatemi gioire un pochino… AMALA!!! 😛

Insomma, oggi è di nuovo lunedì, e chiusa la parentesi calcistica, si riparla di cibo. Ed ultimamente mi è capitato spesso di preparare il tiramisù, cosa che invece non accadeva da un bel po’… Ho sempre seguito la ricetta della nonna Lilia, ed è sempre stato un gran successo. Mi è tornata la voglia complice anche l’altra nonna, la Cesarina, che mi ha chiesto di prepararle un bel dolce per qualche domenica fa a pranzo (la cosa poi si è ripetuta anche in occasione di un altro paio di pranzi, stavolta con amici)… Insomma, qui vi propongo la mia ricetta (nonna Lilia docet) del tiramisù!
Ah: non starò a sindacare sul discorso “biscotti”: so bene che molti utilizzano i savoiardi, ma Il Tiramisù della Nonna Lilia si fa coi Pavesini, punto e basta… Così me lo hanno insegnato, così l’ho sempre fatto e così sempre lo farò 😉

INGREDIENTI (per 8 persone)
4 cucchiai colmi di zucchero (100 gr.) o 4 rasi di fruttosio (70 gr.)
4 uova
500 gr. di mascarpone
4 tazzine di caffè
1 cucchiaio di vin santo (o marsala)
2 cucchiai di latte
6/7 bustine di Pavesini
cacao amaro in polvere

PREPARAZIONE
Mescolate lo zucchero (o il fruttosio) con i tuorli, quindi aggiungete il mascarpone e mescolate bene fino ad ottenere una crema senza grumi. A questo punto montate i bianchi a neve fermissima ed incorporateli alla crema preparata, fino ad ottenere un composto omogeneo. Preparate il caffè, versatelo in una scodella (che abbia i bordi bassi, così lavorate meglio), unite il vin santo ed il latte (la nonna lo metteva per smorzare leggermente il sapore amaro e forte del caffè) ed inzuppateci i Pavesini, uno alla volta, che poi andrete a stendere nella pirofila formando uno strato di base il più compatto possibile (tipo Tetris, avete presente? 🙂 ). Versate sui Pavesini così posizionati metà della crema e stendetela bene. Fate un altro strato di Pavesini imbevuti nel caffè uno ad uno, quindi ricoprite con la crema di mascarpone rimasta. Spolverizzate la superficie con del cacao amaro e tenete il tiramisù così preparato un po’ in frigo prima di servirlo (dategli qualche ora, in modo che i Pavesini e la crema al mascarpone diventino un tutt’uno!).

Nota 1: nel suo ricettario la nonna Lilia dice che si possono usare anche 5 uova, ma che se volete ottenere una crema più densa è meglio usarne 4, come in effetti ha sempre fatto la nonna, ho sempre fatto anch’io ed ho scritto anche qui. Se comunque usate un uovo in più, aggiungete allora anche un altro cucchiaio colmo di zucchero (25 gr.) o uno raso di fruttosio (20 gr.) 🙂
Nota 2: come vedete in foto, io di solito uso la pirofila che ha sempre usato la nonna, in vetro, ovale, diametro 33 cm x 22 cm. Ovviamente, usandone una rettangolare (22 x 30 cm circa) impazzirete molto meno nel cercare di incastrare i Pavesini spezzettati per non lasciare spazi vuoti ma… Così manca la poesia 😉

Ah: con questa ricetta partecipo al contest “sua morbidezza il mascarpone”, di Aria in Cucina… Lo so, la mia ricetta è quanto di più tradizionale si possa fare col mascarpone, ma per me “mascarpone = tiramisù della nonna”… che volete farci 😳

 

A proposito (di che? Boh!), vi ricordo che domani, oltre ad essere la festa della donna (auguri a tutte le signore/signorine che leggono il mio blog!!! 😀 ), è anche il Martedì Grasso, ultimo giorno di Carnevale… Vi spingo quindi a provare le Polpette della Nonna Lilia, un must di questo periodo… Fidatevi, la nonna non sbagliava un colpo 😉

24 maggio 2010

Caserecce all’Erba Cipollina

Posted in calcio, Le mie ricette, pasta, pastasciutta & simili, vegetariani tagged , , , , , , a 4:08 pm di pixel3v

Alle prese con la scoperta di nuovi tipi di pasta e con un vagone di erba cipollina fresca. Questo potrebbe essere il sottotitolo di questo post. Sì perché ogni volta che ho intenzione di cucinarmi un primo, tranne casi eccezionali in cui, diciamo per necessità di ricetta, uso la pasta lunga, in genere io amo la pasta corta… Ma, un po’ per curiosità e un po’ per noia, sto cercando di scoprire nuovi tipi di pasta, imparando anche qualcosina della loro provenienza, il che non guasta 🙂 E, antefatto numero 2, dall’orto dei suoceri ogni tanto mi vengono mandati a casa dei graditi regalini, tipo questa freschissima cesta enorme di erba cipollina… Che ovviamente, non posso usare solo per aromatizzare, altrimenti dovrei metterla pure nel caffè, per evitare che appassisca prima che la possa finire! Ecco che quindi ho studiato una ricettina in cui l’erba cipollina in questione risultasse l’ingrediente principale 🙂
Ah: le “caserecce” sono un tipo di pasta “corta ma non troppo” proveniente dalla Sicilia, o almeno così mi hanno detto, dal momento che le ho comprate fresche in un pastificio e quindi non stavano nella loro bella confezione con tanto di nome e spiegazione. Trattasi comunque di pasta di semola di grano duro, che trattiene molto bene il sugo data la porosità. Ed eccole qui, le mie Caserecce all’Erba Cipollina (ricetta semplicissima):

INGREDIENTI (per 4 persone)
100 gr. di erba cipollina
40 gr. di pinoli
20 gr. di parmigiano grattugiato
2 cucchiai d’olio
400 gr. di caserecce
latte
pepe
sale

PREPARAZIONE
Mettete a bollire l’acqua per la pasta. Nel frattempo, tritate nel mixer quasi tutta l’erba cipollina con metà dei pinoli. In una teglia abbastanza grande tostate gli altri pinoli, quindi spegnete il fuoco ed unitevi il composto tritato, il parmigiano, l’olio ed il pepe; allungate il sugo con un goccio di latte (ma proprio poco!) per renderlo più cremoso. Aggiustate di sale, quindi fatevi saltare per un paio di minuti a fuoco basso le caserecce scolate al dente; decorate con i fili di erba cipollina lasciati da parte, spolverizzate con un’ultima macinata di pepe e servite 🙂

Come potete vedere… Anche oggi si va di verde!!

Cambiando argomento, giuro che questa è l’ultima volta, almeno per quest’anno (calcistico s’intende!) che vi assillo con le mie manie da tifosa… ma visto che ho espresso la mia gioia in occasione della vittoria della Coppa Italia, visto che ho espresso al mia felicità in occasione della vittoria dello Scudetto, come posso non esternare la gioia ed il tripudio che mi stanno assalendo in questi giorni?? Abbiamo vinto la Champions League!!!!!!!! Potrei assillarvi con numeri e statistiche (la tripletta, che mai nessuna squadra italiana era riuscita a fare, la vittoria della tanto ambita coppa dopo ben 45 anni di astinenza etc…), ma lascio stare. Vi dico però che vedere Milano vestita di nerazzurro è stata un’esperienza unica ed irripetibile. E adesso che Mourinho, quell’uomo tanto odiato quanto amato (io faccio parte del secondo gruppo ovviamente), ha deciso di andarsene, una lacrimuccia scende per forza… Anche se poi mi abituerò all’idea ed alla faccia del nuovo allenatore 😉
E quindi? E quindi… tanta carica!! Niente “Pazza Inter”, niente “C’è solo l’Inter” (quelle imperversano sul mio profilo Facebook), qui si cucina con la musica, non con gli inni 😉 Quindi, tornando seri ed in linea col blog, ecco che la carica savolta ve la danno i Millencolin, con Penguins & Polarbears… 😉

7 maggio 2010

Il Coccolatte

Posted in dolci & desserts, dolci al cucchiaio, Le mie ricette tagged , , , , , , , , , a 2:41 pm di pixel3v

Ovvero: il Barfi venuto male che somiglia al Risolatte 🙂
Come dicevo nel post del Barfi, quello buono, prima di arrivare a trovare la soluzione ottimale per cucinare gli ormai noti dolcetti indiani ho avuto qualche problemino… Però il tentativo di Barfi malriuscito ha dato luogo ad una ricettina che alla fine si è rivelata gustosa e buonissima, da me ribattezzata Coccolatte perché, come potete immaginare, somiglia tantissimo al risolatte, anche se ovviamente non c’è traccia di riso ma c’è, al suo posto, il cocco. Ecco qua la ricetta:

INGREDIENTI (per 6 persone)
1 l. di latte
120 gr. di fruttosio (o 200 gr. di zucchero)
100 gr. di farina di mandorle (praticamente, mandorle tritate)
100 gr. di farina di cocco (cocco essiccato)
40 gr. di pistacchi tritati

PREPARAZIONE
Fate scaldare il latte sul fuoco e portate ad ebollizione. A questo punto abbassate la fiamma per evitare che il latte fuoriesca ma mantenete il bollore, ed aggiungete prima il fruttosio (o zucchero) e poi, quando sarà sciolto del tutto (un paio di minuti), la farina di mandorle e quella di cocco, ovviamente a poco a poco e mescolando di continuo. Dopo tanto mescolare (una ventina di minuti ad essere ottimisti) il composto si addenserà, anche se non troppo. A questo punto spengete il fuoco e lasciate intiepidire. Una volta che il composto sarà a temperatura ambiente distribuitelo in ciotoline e decorate ognuna di esse con i pistacchi tritati. Lasciatele una notte in frigo, quindi servitele 🙂

La farina di mandorle può essere sostituita con qualunque altra varietà di farina preferiate, così come le decorazioni in superficie (qualunque altra frutta secca andrà benissimo!)
Ah…nella preparazione originale era previsto il cardamomo, ingrediente del Barfi (quello vero), ma poiché questo di oggi non è certo un Barfi io ho eliminato il cardamomo, così da poter considerare questa ricetta italiana a tutti gli effetti, quindi potete benissimo usare la vaniglia ad esempio, per ottenere un composto meno speziato ma pur sempre aromatizzato 😉

Lasciando da parte (solo per oggi!) il discorso cucina, permettetemi di esprimere la mia gioia per la vittoria dell’Inter in Coppa Italia… Due giorni fa vi avevo parlato di sogni e speranze, quest’oggi posso con orgoglio affermare che il primo sogno è diventato realtà… 😀 Forza ragazzi, andiamo dritti verso la Tripletta 😛
La foto qui sopra (cliccateci su per ingrandirla) è tratta dal sito ufficiale dell’Inter; la canzone è invece tratta dal mio archivio personale… Non preoccupatevi, non vi farò sorbire Pazza Inter Amala… Ascoltatevi invece Skin feat. Marlene Kuntz, con La canzone che scrivo per te… 😳

21 maggio 2008

I Campioni dell’Italia Siamo Noi!!

Posted in calcio tagged , , , , a 11:34 pm di pixel3v

Non è facile descrivere la gioia di un simile momento… Vi prego svegliatemi, è solo un meraviglioso sogno… Ma no, non è un sogno, è una fantastica realtà: domenica 18 maggio l’Inter ha conquistato il suo sedicesimo scudetto, il terzo consecutivo, e questa è la prima volta che accade nella storia nerazzurra… Complimenti ragazzi!!!

(Foto da Inter.it)

La vittoria è stata sofferta, come d’altronde si addice alla nostra Pazza Inter che ci ha da sempre abituati a soffrire, ad esultare di gioia ed un attimo dopo a piangere una delusione inattesa… La vittoria sudata e sofferta non è certo consigliata per chi soffre di cuore, ma senz’altro è molto, molto più bella… Potevamo vincere con 11 punti di vantaggio sulla Roma… Ma volete mettere una vittoria scontata con una, invece, così in bilico fino agli ultimi attimi? A dire la verità, per i primi settanta minuti, era la Roma ad essere campione d’Italia, ma poi è entrato Ibrahimovic e… Insomma, se alla fine fosse andata male sarebbe stata una grande delusione, ma invece la nostra Pazza Inter non ci ha delusi, ci ha fatti tremare di paura per poi alla fine dimostrarci che no, non c’era nulla da temere… Ma ci voleva veramente il ritorno di un grande Ibra?! Forse sì, forse no… Senz’altro, con la sua doppietta di domenica, i meriti ce li ha anche e soprattutto lui, ma in fin dei conti si deve ringraziare l’intera rosa, ognuno a suo modo, ognuno per un preciso motivo: tutti i ragazzi si sono fatti trovare pronti all’occorrenza, e nessuno ci ha mai delusi. Grazie ragazzi, siete grandi!!!

FORZA INTER!!

28 febbraio 2008

Il Capitanoooooooo!!

Posted in calcio tagged , , , , , a 12:32 am di pixel3v

104352-500.jpg

INTER–ROMA = 1-1
Di nuovo una parentesi calcistica, questa volta in occasione del turno infrasettimanale di questa sera che ha visto scontrarsi, allo stadio di San Siro, Inter e Roma, le due squadre in lotta per la conquista dello scudetto. Chi aspettava con ansia questa gara per decretare il probabile vincitore del campionato di quest’anno, però, dovrà attendere ancora: la partita è finita con un pareggio (giusto), e la distanza è ancora invariata: la Roma resta a -9. Ma in questo post vorrei soprattutto esprimere la mia gioia per il super gol del Capitano dei Capitani, Javier Zanetti: non segna quasi mai (era dal 6 novembre 2006), ma quando lo fa è decisivo!! Un gran destro dai 20 metri, al 43′ del secondo tempo, e … la palla si infila nell’angolino destro, Doni nulla può. Strepitoso!! Un grazie al nostro capitano, che gioca sempre al meglio e si batte ogni volta fino in fondo per la sua squadra; questo suo gol vale più di ogni altro!
Forza Inter!!!!  🙂

104335.jpg

La gioia del capitano Javier Zanetti dopo il suo gol del pareggio in extremis (foto da Inter.it).

23 dicembre 2007

Pazza Inter amala!

Posted in calcio tagged , , , a 5:16 pm di pixel3v

102331-4801.jpg

INTER–MILAN = 2-1
Perdonatemi questo post lievemente di parte ma… come non essere felici per questa strameritata vittoria dell’Inter nel derby della Madonnina?! I nerazzurri si sono imposti per 2-1 sul Milan (forse stanco dopo la trasferta in Giappone… 🙂 ): dopo il vantaggio del Milan con Pirlo (una punizione battuta magistralmente), l’Inter pareggia con Cruz, che beffa tre difensori rossoneri, ed infine passa in vantaggio con un tiro dal limite dell’area di Cambiasso, oggi secondo me il migliore in campo. Insomma, anche questa è archiviata, siamo campioni d’inverno e si può festeggiare sereni e tranquilli il Natale… sperando che questo periodo così roseo finisca il più tardi possibile, e che soprattutto si protragga anche in quel d’Europa, invece che solo in Italia… 🙂

102321-480.jpg 102317-500.jpg
Il gol di Julio Cruz e, a destra, l’entusiasmo di Esteban “el Cuchu” Cambiasso dopo il suo gol (foto da Inter.it).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: