12 ottobre 2012

Fiori di Zucca Fritti Ripieni di Alici e Mozzarella

Posted in antipasti e fingerfood, contorni, Le mie ricette tagged , , , , , a 11:53 am di pixel3v

… Ed il mattino seguente, il ciclista mattiniero e fotografo mi ha stupita sfoderando una vaschetta di fiori di zucca freschi 😀 Io adoro i fiori fritti, come li faceva la nonna Lilia, e come poi ha imparato a farli la mamma… Ma non ho mai provato a cucinarli, un po’ per paura di non essere all’altezza ma un po’ anche perché, va detto, a me friggere sta decisamente sull’anima. E però, mi son detta, è l’occasione giusta questa… E quindi, in una domenica piovosa di settembre, ci siamo messi a friggere i fiori di zucca. Ma non mi bastava: ho voluto provare a cucinare quel piatto romano o presunto tale tanto millantato da blog e ristoranti: i Fiori di Zucca Fritti Ripieni di Alici e Mozzarella. La difficoltà del piatto sta solo ed esclusivamente nella pulizia dei fiori, il che significa che il farli ripieni non è una gran fatica in più… 😉
Ah: perdonate l’estremismo ma ci tenevo a dirvi che non concepisco chi usa l’uovo per la pastella dei fiori fritti 😛

INGREDIENTI (per 12 fiori)
12 fiori di zucca medio-grandi
200 gr. di mozzarella fiordilatte
6 filetti di acciuga
250 gr. di farina
1 pizzico di sale
150 ml di acqua gassata fredda
200 ml di birra fredda (io ho usato la San Miguel)
olio per friggere

PREPARAZIONE
Lavate bene i fiori di zucca sia esternamente che internamente; con il getto dell’acqua cercate di allargarne la “bocca” e staccate delicatamente il pistillo; tagliate il gambo ed asciugate con carta assorbente. Tagliate la mozzarella a dadini piccoli e dividete ciascun filetto d’acciuga a metà nel senso della lunghezza. In una ciotola preparate la pastella: setacciate la farina con un pizzico di sale, quindi versate l’acqua gassata e la birra mescolando fino a che non si sarà formata una pastella liscia e senza grumi che dovrà essere abbastanza densa da velare il cucchiaio.
Scaldate l’olio in una padella dai bordi alti; farcite i fiori con una manciata di dadini di mozzarella e mezzo filetto di acciuga, quindi cercate di chiuderli bene e poneteli nella ciotola della pastella: Prelevate i fiori con un cucchiaio friggendone circa 3 alla volta, fateli dorare bene da ambo le parti, quindi prelevateli con una schiumarola e fate assorbire l’olio in eccesso con dello scottex. Non salate (c’è l’acciuga!) e servite caldi.

 

Il ripieno di mozzarella ed alici, essendo morbido, contribuisce a far perdere un po’ della loro proverbiale croccantezza ai fiori fritti, ma vi assicuro che se la pastella è ben fatta ed i fiori ben chiusi, saranno morbidi ed “umidi” giusto all’interno 😉

Ps. Grazie anche stavolta a Luca per le sue super-foto 🙂

18 febbraio 2011

Kidney Beans (Fagioli Americani) alla Texana

Posted in contorni, Le mie ricette, piatti etnici / esotici, Stati Uniti tagged , , , , , , , a 12:52 pm di pixel3v

Riusciamo fuori dai confini dello stivale 😉 Complice di questo mio tuffo negli States, un’offerta di prodotti etnici al supermercato… E, confesso, io i fagioli Kidney non li conoscevo 😳
Tipicamente americani, i Kidney Beans hanno colore rosso scuro, taglia grande e forma leggermente curva; sono l’ingrediente base del famoso “chili con carne” per intenderci. Qui potete farvi un’idea del fagiolo in questione.
Ora, io il chili con carne proprio non posso cucinarlo, dal momento che non posso avere a che fare con peperoni, chili et similia (eliminarli sarebbe stato come… non so… preparare la carbonara senza uovo più o meno!)… Quindi ho pensato di cucinarli a mo’ dei famosi “fagioli alla texana” (Bud Spencer e Terence Hill insegnano :mrgreen: ), ricetta che di solito richiede i borlotti. Niente borlotti quindi per me: beccatevi i Kidney Beans (Fagioli Americani) alla Texana 😉

INGREDIENTI (per 4 persone)
2 cipolle bianche
2 spicchi d’aglio
200 gr. di pancetta dolce a dadini
4 coste di sedano
450 gr. di fagioli rossi Kidney (i miei sono già cotti)
6 foglie di alloro
8 cucchiai di polpa di pomodoro
10 (circa) pomodori ciliegini
olio
sale
paprica dolce
pepe
prezzemolo

PREPARAZIONE
Se usate i fagioli secchi, seguite il procedimento indicato qui.
In una padella piuttosto capiente fate scaldare l’olio, unitevi le cipolle tritate grossolanamente, gli spicchi d’aglio schiacciato (che poi toglierete) e la pancetta a dadini. Quando la pancetta sarà dorata aggiungete le coste di sedano ad anelli, i fagioli con un po’ della loro acqua e le foglie di alloro; aggiustate di sale, unite un pizzico di paprica, grattate abbondante pepe e lasciate cuocere portando a bollore. Aspettate che l’acqua dei fagioli sia quasi del tutto ritirata, quindi unite la polpa di pomodoro ed i ciliegini tagliati a dadini; aggiustate di sale e proseguite la cottura per 5/10 minuti, o comunque fino a che il sugo non si sarà ben addensato. A fine cottura eliminate l’aglio e l’alloro, spolverizzate con del prezzemolo tritato e servite accompagnando con delle tortillas, o al limite con qualcosa che ci si avvicini anche vagamente: quelle che vedete in foto, ad esempio, sono delle mini-piadine 🙂

Oggi è la giornata del risparmio energetico 2011, lo sapevate? La questione mi sta particolarmente a cuore, anche se ammetto che spesso io per prima non sempre penso a quanto tenere il forno acceso per ore o il pc in carica fisso possa danneggiare l’ambiente… Insomma, oggi, chi può, ci pensi 😀 Nel mio piccolo, da foodblogger quale sono, ho pensato bene di proporre una ricetta che non preveda l’utilizzo del forno… E voi che farete per l’ambiente e per il risparmio energetico? 😉

10 gennaio 2011

Swiss Rösti alle Due Patate (Versione Light)

Posted in contorni, Le mie ricette, piatti etnici / esotici, Svizzera tagged , , , , , , , , a 1:23 pm di pixel3v

Si ricomincia… Le feste natalizie sono ufficialmente finite, le vacanze pure… Presto vi raconterò dei miei 4 giorni a Venezia e dintorni 😉 Ma nel mentre che mi preparo il post, vi anticipo che questa sarà una settimana dedicata alle patate dolci… Iniziamo subito, su 😀
Il Rösti è un piatto tipico della cucina svizzera a base di patate, generalmente servito come contorno. La ricetta originale prevede solo le patate, ma in giro se ne trovano versioni rivisitate di ogni tipo: c’è chi aggiunge le cipolle (come ho fatto io), chi i cubetti di pancetta (ancora io) o di speck, chi del formaggio e delle erbe aromatiche (sempre io); ne esistono anche varianti semidolci in base alle quali si serve il Rösti con le mele.
Mentre ci sono due scuole di pensiero riguardo alla consistenza delle patate (c’è chi le utilizza crude e chi lesse), non c’è invece discordanza sul fatto che i Rösti vadano fritti. Io vi presento qui i miei Swiss Rösti alle Due Patate (Versione Light): ho optato per la versione “patata cruda” e non li ho fritti in padella, ma li ho fatti dorare in forno (più leggeri quindi), accompagnandoli poi con dello yogurt greco anziché con la panna acida. Inoltre, io ho utilizzato le patate nostrane, sì, ma mixate con le patate dolci, anche note come patate americane o batate (non quelle rosse che ho utilizzato qui, anche se la famiglia è comunque la stessa; quelle di questa ricetta sono quelle dalla polpa bianca)…

Ecco quindi la mia ricetta, e preparatevi, perché come vi ho detto ne seguiranno altre due a base di patate dolci, giusto per chi, come me, ha fatto un salto al NaturaSì e preso dalla voglia se n’è comprate un chilo 🙂

INGREDIENTI (per 9 Rösti spessi 1,5 cm, diametro 9 cm)
1 cipolla dorata
150 gr. di pancetta affumicata
250 gr. di patate
250 gr. di patate dolci (batate)
50 gr. di fontina
1 mazzetto di rosmarino
2 cucchiai di farina
olio extravergine d’oliva
sale
pepe
yogurt greco + erba cipollina per la salsa

PREPARAZIONE
Preriscaldate il forno a 180° C. Affettate grossolanamente la cipolla e fatela soffriggere insieme alla pancetta tagliata a dadini con poco olio, quindi lasciate raffreddare. Nel frattempo, sbucciate e grattugiate le patate e le batate utilizzando i fori più grandi della grattugia; unitevi quindi la fontina anch’essa grattugiata e la pancetta con la cipolla. Incorporate il rosmarino tritato finemente, aggiungete la farina per far sì che il composto risulti meno umido, quindi aggiustate di sale e macinate abbondante pepe. Una volta ottenuto un mix omogeneo ungete il coppapasta (il mio ha il diametro di 9 cm), poggiate l’anello su una leccarda rivestita con carta da forno e pressatevi un po’ di mistura aiutandovi con il dorso di un cucchiaio, ottenendo un disco spesso circa 1 cm. Sfilate lentamente il coppapasta e ripetete l’operazione fino ad esaurimento dell’impasto (con queste dosi ho ottenuto 9 Rösti). Cuocete per 40 minuti, quindi servite accompagnando con una salsina a base di yogurt greco ed erba cipollina.

Le patate dolci conferiscono un sentore particolare, che somiglia vagamente al sapore della farina di castagne. Se la cosa non vi ispira potete utilizzare solamente patate nostrane, ma il gusto delle patate dolci è da provare… Vi sorprenderà 😉

Ricominciamo soft con la musica: per chi ancora ha da riprendere i ritmi, ascoltatevi Teach Me Tiger di April Stevens e rilassatevi un attimino, prima di ripartire… 😉

25 giugno 2010

Fagioli Azuki e Porri con Alga Wakame allo Zenzero

Posted in contorni, Le mie ricette, piatti unici tagged , , , , , , , , a 3:03 pm di pixel3v

In tutto questo parlar di dolci, beh, lo so che non mi crederete mai ma vi giuro che sì, sono ancora a dieta (i dolci li mangio solo a colazione… Ma più che altro li faccio mangiare agli altri 😉 ). Per dimostrarvelo, oggi vi propongo una ricetta leggera e, il che non guasta, vegan 😀 Il suo essere vegan però devo ammettere che non è voluto… Il fatto è che nel cercare disperatamente qualcosa che mi permettesse di finire il mio sacchettino di fagioli Azuki ormai comprati da un po’ (qualcosa che, soprattutto, non fosse dolce!) mi sono imbattuta in Vegan3000, dove ho trovato una ricetta semplice e veloce (cottura dei fagioli esclusa) che qui vi riproduco con le mie dosi, le mie modifiche e le mie aggiunte: Fagioli Azuki e Porri con Alga Wakame allo Zenzero (che non ce l’avete l’alga Wakame in casa? Io sì… :mrgreen: reduce da un tentativo non troppo riuscito, mesi fa, di preparare la zuppa di miso… ma dove vai se il miso non ce l’hai :roll:).

INGREDIENTI (per 6 persone)
300 gr. di fagioli di soia rossi (Azuki)
4 cucchiai di alghe Wakame (io ho il sacchettino in cui sono già ridotte a pezzettini)
2 piccoli porri
2 spicchi d’aglio
6 cucchiai di olio extravergine di oliva
4 cucchiai di aceto di riso (se non l’avete usate l’aceto di vino bianco)
4 cucchiai di salsa di soia
4 cucchiaini di zenzero in polvere
1 ciuffo di prezzemolo
sale

PREPARAZIONE
Per i fagioli regolatevi come vi avevo spiegato nel caso del Feijao Tropeiro a mo’ di Feijoada: mettete i fagioli secchi a bagno per diverse ore in acqua fredda (diciamo tra le 8 e le 24 ore); la quantità d’acqua deve essere pari a sei volte il peso dei fagioli, quindi in questo caso occorreranno 1,8 l. d’acqua. Trascorso questo tempo, durante il quale i fagioli avranno assorbito un bel po’ d’acqua ed il loro peso e il loro volume saranno aumentati, scolateli e lavateli con acqua corrente, quindi riponeteli nella stessa pentola con circa 1 l d’acqua e portate ad ebollizione, aggiungendo le listarelle di alga Wakame (che di solito si tengono un po’ a rinvenire in acqua fredda, ma in questo caso non ha senso visto che comunque vanno nell’acqua per un bel po’!). Quando l’acqua inizia a bollire, trasferite la pentola nel fornello più piccolo (quello che usate per fare la moka per intenderci) e proseguite la cottura a fuoco lento per circa 45 minuti (minuto più minuto meno… Insomma, quando sono cotti ve ne accorgete!). Ogni tanto date un occhio, e mescolate se vedete che i fagioli si stanno attaccando al fondo. Salate solo quando i fagioli saranno cotti, quindi scolateli (con anche le alghe, non buttatele!!) e fateli intiepidire leggermente.
Nel frattempo sbollentate i porri in acqua salata con due spicchi d’aglio, quindi scolateli eliminando l’aglio e, non appena saranno maneggiabili, tagliateli a pezzettini. Infine preparate la salsina: in una ciotolina emulsionate olio, aceto, salsa di soia, zenzero e prezzemolo tritato finissimamente; conditevi i fagioli, unite i porri, mescolate e gustate 😉

Altro classico in ambito musicale, oggi vi beccate i Rolling Stones con (I can’t get no) Satisfaction… Vista la triste prestazione degli Azzurri di ieri ed il modo in cui siamo usciti dal Mondiale beh, direi che questa canzone proprio male non ci sta… Le soddisfazioni in ambito calcistico le rimanderemo a poi, eh 😉

10 giugno 2010

Insalata di Avocado, Pompelmo Rosa, Rucola e Pomodori

Posted in Brasile, contorni, insalate miste, Le mie ricette, piatti etnici / esotici tagged , , , , , a 3:07 pm di pixel3v

La cena brasiliana parte 3
Qui non c’è bisogno di grandi spiegazioni: trattasi di un’insalatina estremamente semplice riproponibile anche al di fuori del contesto sudamericano 😉 Per dovere di cronaca, devo dire che quest’insalata l’ha preparata Claudia, visto che io ero piuttosto impegnata a tostare la farina di manioca ed a mescolare il Feijao Tropeiro/Feijoada… 😛
Insomma, ecco come si prepara l’Insalata di Avocado, Pompelmo Rosa, Rucola e Pomodori:

INGREDIENTI (per 4 persone)
6 cucchiai di olio d’oliva
2 cucchiai di aceto di vino bianco
2 pompelmi rosa
1 avocado
1 pomodoro rosso
1 mazzetto di rucola
sale
pepe

PREPARAZIONE
Preparate la vinaigrette sbattendo in una ciotolina l’olio, l’aceto, un pizzico di sale ed una macinata di pepe. Sbucciate i pompelmi avendo cura di eliminare i filamenti bianchi, fateli a spicchi e poneteli in una ciotola con la vinaigrette. Sbucciate l’avocado, tagliatelo a metà nel senso della lunghezza eliminando il nocciolo, tagliatelo a fettine lunghe e sottili ed unitelo al pompelmo, mescolando bene; aggiungete infine il pomodoro a cubetti e le foglie di rucola lavate e spezzettate, aggiustate di sale e pepe e servite.

Oggi concludiamo la settimana (poi parto per il mare e ci si rivede lunedì 😉 ) con una canzone piuttosto malinconica, un pezzo che però io adoro, mi ricorda i tempi di The Box (vi ricordate?? All’epoca io telefonavo di continuo per scegliere i video musicali da vedere!!)… E poi amo lei, cantante ultimamente sottovalutata (almeno qui in Italia), dopo il suo boom iniziale, ma a parer mio sempre valida… Beccatevi Anouk, con Sacrifice 😉

7 giugno 2010

Basic Farofa (from Brazil)

Posted in antipasti e fingerfood, Brasile, contorni, Le mie ricette, piatti etnici / esotici tagged , , , , , , , a 4:08 pm di pixel3v

Cos’è il Farofa? Trattasi di un piatto tipico brasiliano che si usa per accompagnare carni bollite o arrostite; l’ingrediente principale è la farina di manioca, di cui avevo parlato anche nella ricetta del Feijao Tropeiro a mo’ di Feijoada (from Brazil), ma non vi avevo spiegato di cosa si tratta… Beh, ecco qua:
La manioca, anche nota come “cassava“, “mandioca” (in Brasile) o “yuca” (in Perù), è una pianta originaria del Sudamerica e dell’Africa Subsahariana. Ha una radice a tubero commestibile, la cui forma ricorda quella della carota e la cui polpa è dura e bianca. Da questo tubero si ricava una fecola nota appunto come “farina di manioca“; dai residui dell’amido bolliti si ricava invece la “tapioca“, caratteristiche palline o “perle” che assumono una consistenza gommosa, molto utilizzate nella preparazione di budini. In Brasile la farina di manioca, una volta tostata, prende il nome di “farofa” (giustappunto), e costituisce uno degli elementi principali dell’alimentazione quotidiana del brasiliano medio.
(Info da Wikipedia, foto da qui).

La cena brasiliana parte 2
Dopo la lunga ma doverosa introduzione (non si finisce mai di imparare!), ecco quindi la ricetta del Basic Farofa (from Brazil); come si evince dal nome, questa è la ricetta di base, ma come potrete facilmente immaginare esistono svariate ed infinite versioni del Farofa… 🙂

INGREDIENTI (per 4 persone)
150 gr. di farina di manioca cruda
1 cipolla
100 gr. di pancetta affumicata a strisce
2 uova
olio
prezzemolo
sale

PREPARAZIONE
Tostate per 15 minuti la farina di manioca in una padella dove avrete prima fatto imbiondire la cipolla in poco olio; mescolate spesso e fate attenzione che la farina non si attacchi. Nel frattempo, in una wok, soffriggete la pancetta senza olio; sbattete in una ciotola le uova diluendole con un cucchiaio d’acqua, quindi aggiungetele alla pancetta e mescolate fino a che le uova non siano strapazzate. A questo punto unite la farina di manioca, saltate per un altro minuto, quindi togliete dal fuoco, aggiungete del prezzemolo tritato, aggiustate di sale e servite.

Oggi, un classico della musica punk-rock-pop (ehehehe) di qualche anno fa, una canzone straconosciuta ma che amo riascoltare… e siccome stasera festeggio il mio compleanno per l’ultima volta (a 6 giorni di distanza… Non avevo ancora trovato il tempo di fare una cenetta a modino con la mia famiglia!), questa oggi me la dedico: Basket Case dei Green Day :mrgreen:

30 maggio 2010

Teglia di Pomodori Ciliegini alla Menta

Posted in contorni, Le mie ricette tagged , , , , , , a 1:48 pm di pixel3v

Come vi avevo anticipato, oggi si cambia colore. Ma neanche troppo, a dir la verità… Il verde oggi non sarà protagonista, ma di sicuro si fa sentire… Cinematograficamente parlando, diciamo che il suo, quest’oggi, è un cameo di tutto rispetto 😉
La ricetta non ha molto bisogno di spiegazioni: trattasi di un contorno straveloce, dal sapore estivo e fresco: un’invitante Teglia di Pomodori Ciliegini alla Menta. Ecco qua:

INGREDIENTI (per 4 persone)
480 gr. di pomodori ciliegini
tanta, tanta menta
sale
olio

PREPARAZIONE
Tagliate a metà i pomodorini e con essi riempitevi una teglia da forno con i bordi alti, disponendo i ciliegini con la parte aperta rivolta verso l’alto. Cospargete con sale, un filo d’olio ed un’abbondante spolverata di menta tritata grossolanamente. Passate nel forno già caldo a 200° C per mezz’ora e servite tiepido.

Velocemente come ho presentato questa ricetta vi presento anche il pezzo che oggi ci farà da colonna sonora: i Foo Fighters con Everlong 😉

18 maggio 2010

Strangozzi (di Zucchine) Aglio, Olio e Peperoncino

Posted in calcio, contorni, Le mie ricette, pasta, pastasciutta & simili, vegetariani tagged , , , , , , , a 12:24 pm di pixel3v

Sì, avete letto bene… Non sto parlando della pasta classica, ma di strangozzi fatti con le zucchine, sìsì… 🙂 E’ buffo, lo so, e fino a pochi giorni fa non ne avevo neanche sentito parlare 🙂 Poi Djun, sul Forum di SaiCosaTiSpalmi, ha parlato del suo Spirali… Inutile dire che mi sono innamorata! Come non innamorarsi di un oggetto da cucina che ti taglia frutta e verdura a listarelle finissime e arricciolate come fossero dei veri spaghetti?? :mrgreen:
Non possiedo quel sensazionale oggetto come avrete capito, quindi i miei spaghetti non sono venuti proprio perfettissimi (li ho tagliati a mano, con infinita pazienza), e anzi, somigliano più a degli strangozzi, appunto, poiché hanno la sezione squadrata… Però insomma, era doveroso citare l’antefatto perché è stato proprio quel post su quel buffo oggetto (che mi sa ben presto mi farò regalare 😉 ) che mi ha dato lo spunto per questa ricetta semplicissima 🙂
Quindi: la base sono le zucchine, verdure duttilissime per questo tipo di preparazione, verdure che tra l’altro in questo periodo sono presenti in ogni mercato in tutto il loro splendore (e come non approfittarne!!)… E per non sminuire questa verdura così bella e così buona ho cercato di condire gli “strangozzi” nel modo più semplice e più tradizionale possibile: ecco a voi i miei Strangozzi (di Zucchine) Aglio, Olio e Peperoncino:

INGREDIENTI (per 4 persone)
8 zucchine
4 spicchi d’aglio
2 peperoncini rossi essiccati
6 cucchiai d’olio extravergine di oliva

PREPARAZIONE
Lavate bene le zucchine; se volete potete anche sbucciarle, io però non l’ho fatto (sarebbe solo per una questione estetica: senza la buccia verde somiglierebbero ovviamente di più a della pasta vera e propria!). A questo punto riducetele in strangozzi: se avete lo strumento di cui sopra non sto a dirvi io come fare; se invece, come me, ne siete sprovvisti, tagliate le zucchine a fettine sottilissime, quindi tagliate a listarelle verticali ogni fettina 🙂
Preparate un trito fine con l’aglio ed i peperoncini; scaldate l’olio in una padella e fatevi dorare il trito (non fatelo annerire!) unendovi le zucchine fin quasi da subito; cuocete per 5 minuti al massimo, o insomma, quando vedrete che gli “strangozzi” saranno morbidi e l’aglio ben dorato. Se preferite, potete cuocere le zucchine a vapore prima e saltarle nell’olio solo all’ultimo, oppure lasciarle direttamente crude e poi condirle.

Nota 1: so bene che ognuno ha la sua personalissima versione del condimento “aglio, olio e peperoncino”; personalmente, io amo che gli ingredienti in questione si sentano bene “sotto i denti”, seppur ridotti in trito, e non che il mio condimento consti solo di olio insaporito; comunque, se proprio non ce la fate, lasciate gli spicchi d’aglio ed i peperoncini interi e toglieteli prima di servire 😉
Nota 2
: nel caso in cui vi stiate chiedendo se un pasto del genere può sostituire il tradizionale piatto di pasta… Beh, le zucchine sono prive di grassi, hanno poche calorie e sono ricche d’acqua, quindi diciamo che pur non avendo, come è ovvio, lo stesso apporto calorico e proteico della pasta, danno comunque la sensazione di sazietà…
Nota 3
: una dadolata di pomodori crudi aggiunta a questo condimento non ci stona affatto 😉

Oggi sono felice, ebbene sì, e consentitemi di dirlo anche qui: Amala, Pazza Inter, Amala!!! Eh sì ragazzi, anche il secondo obiettivo è stato raggiunto, lo Scudetto è nostro anche quest’anno e, come ha detto il nostro mitico Capitano, abbiamo vinto contro tutto e tutti… E proprio ai miei (nostri) “nemici” voglio dedicare, musicalmente parlando, questo tuffo nel passato di oggi: ecco qua i Lit, con My Own Worst Enemy, un gruppo che all’epoca mi piaceva molto (come dimenticare il video in cui il gruppo in versione lillipuziana “passeggia” su Pamela Anderson? 😀 )…

30 aprile 2010

Baigan (Melanzane) Masala

Posted in contorni, India, Le mie ricette, piatti etnici / esotici tagged , , a 12:17 pm di pixel3v

Il mio percorso indiano avrebbe dovuto continuare, sì, ma in modo, diciamo, più dolce… Poi però, scuriosando nel blog di Fabien, che apprezzo particolarmente, per seguirne gli ultimi aggiornamenti, ho trovato questa ricetta… E mi sono venuti gli occhi a cuore! Beh, mi sono detta, proviamola, io amo le melanzane ed è un po’ che non le cucino, ho preparato il Garam Masala da sola giusto in questi giorni… Insomma Fabien, sei capitato a pennello, quindi ti infilo (con le dovute citazioni, ovvio) nella mia parentesi indiana 😉
Qui
trovate la ricetta di Fabien, con annesse spiegazioni interessanti riguardo alle giuste melanzane da utilizzare (le Baby, qui introvabili ahimè) e al segreto per riuscire ad amalgamare al meglio le spezie con gli altri sapori; sotto invece è come ho proceduto io, non troppo differentemente da Fabien a dir la verità… In linea di massima ci sono solo andata meno pesante con il peperoncino in polvere, ho eliminato i peperoncini verdi freschi perchè non ce la posso fare ed ho proceduto come mio solito in sostituzione del coriandolo fresco (coriandolo in semi + prezzemolo fresco). Ecco dunque la ricetta delle Baigan (Melanzane) Masala:

INGREDIENTI (per 4 persone)
2 cipolle bionde grandi
1 macinata di peperoncino
2 cucchiai di Garam Masala
60 grammi di arachidi (peso da sgusciate)
2 cucchiai di farina di cocco (cocco disidratato)
2 cucchiaini di semi di cumino in polvere
1 cucchiaino di curcuma
2 cucchiaini di semi di senape nera
2 cucchiaini di semi di coriandolo
2 grosse melanzane (1 kg. circa)
2 cucchiaini di zenzero in polvere
280 gr. di polpa di pomodoro (peso da sgocciolata)
1 ciuffo di prezzemolo
olio extravergine
sale

PREPARAZIONE
Mettetevi all’opera almeno tre ore prima per preparare la pasta piccante che poi dovrà riposare: fate un trito fine con le cipolle e ponetele in una ciotolina insieme ad una macinata di peperoncino, aggiungete il Garam Masala, le arachidi sbriciolate (io ho preso quelle da sgusciare perché già sgusciate c’erano solo quelle salate), la farina di cocco, il cumino, la curcuma, la senape ed il coriandolo. Amalgamate bene con cinque o sei cucchiai d’acqua, mescolate e lasciate riposare la pasta coprendola con la pellicola trasparente.
Fate a cubetti le melanzane (spessore: circa 1 cm) e saltatele in padella con un filo d’olio ed un pizzico di sale. Quando saranno morbide toglietele dal fuoco e ponetele su un piatto bello largo, quindi assorbitene il liquido in eccesso e spolverizzate con lo zenzero in polvere; lasciatele da parte.
Nello stessa padella rosolate la pasta piccante con poco olio, quindi aggiungete un bicchiere d’acqua e lasciate cuocere a fuoco basso, coperto, finchè la cipolla non sarà imbiondita. A questo punto unitevi le melanzane e, dopo un paio di minuti, la polpa di pomodoro. Fate cuocere per una decina di minuti a fiamma più alta, mescolando spesso e aggiungendo un mezzo bicchiere d’acqua se lo ritenete necessario; a fine cottura unite il prezzemolo tritato e servite accompagnando con del Naan (ma il pane può andar bene lo stesso!).

Spero di essere stata all’altezza del mio “muso ispiratore”… 😀

Oggi sono carica, sarà che è venerdì, e chi mi conosce sa che Boys Don’t Cry dei Cure mi mette di buonumore come pochi altri pezzi… Quindi direi che è la giornata giusta per farvela riascoltare, sperando che anche Fabien apprezzi l’accostamento musicale che ho fatto con la sua ricetta 😉

20 aprile 2010

Aloo Methi (Patate Stufate al Fieno Greco)

Posted in contorni, India, Le mie ricette, piatti etnici / esotici tagged , , , , , a 2:15 pm di pixel3v

Ecco qua una nuova ricetta, stavolta siamo in India, in particolare nella città di Marwar, India nord-occidentale, nello stato federato del Rajasthan.…
Questa ricetta ha però bisogno di una piccola presentazione: poco tempo fa mia cugina Chiara, di ritorno dalle Isole Mauritius, mi ha riportato (con mia somma gioia) un tris di spezie: curry masaala, cumino in polvere (che ai semi C*annamela gli fa un baffo!) e semi di fieno greco… 🙂 E che c’entra l’India, direte voi? Beh, diciamo che queste spezie sono usate anche in quella zona dell’Asia, non solo in Africa (e comunque, insomma, le Mauritius sono nell’Oceano Indiano, ad Est del Madagascar, quindi qualche influenza indiana oltre che africana ci sarà no? 😉 )…
Insomma, cerca che ti ricerco, dopo aver trovato infiniti studi sulle proprietà dell’unica tra queste spezie a me poco nota, ossia il fieno greco (proprietà galattogene e antianemiche in particolare) e ricette di infusi e decotti, ho scoperto le Aloo Methi (Patate Stufate al Fieno Greco) e mi sono innamorata 😀 Lo so, ci piazzo sempre le patate (tra l’altro la ricetta è simile a quella delle Patate Stufate all’Indiana), ma secondo me con certe spezie vanno proprio a nozze 😉
Il fieno greco ha un vago sentore di liquirizia, e sotto i denti i semi sono, diciamo così, amarognoli, per cui non piacciono proprio a tutti, anche se durante la cottura l’amaro si affievolisce… In ogni caso, io vi ho avvertiti 😀
Ah, le dosi sono calcolate considerando la ricetta come un contorno… Raddoppiate se volete servire come piatto unico 😉
Ecco qua la mia ricetta:

INGREDIENTI (per 3 persone)
2 cucchiai di ghee
1 cipolla bionda
3 spicchi d’aglio
430 gr. di patate (peso da sbucciate)
2 cucchiai di semi di fieno greco (se avete le foglie è ancora meglio, ma almeno per quel che mi riguarda è chiedere troppo 🙄 )
1 cucchiaino di semi di senape
1/2 cucchiaino di semi di cumino in polvere (o anche interi, come vi pare, io adesso li ho entrambi!)
1/2 cucchiaino di curcuma
1/2 cucchiaino di peperoncino (in polvere o tritato)
1/2 cucchiaino di zenzero in polvere (o fresco, se volete)
1 pizzico di sale
1 bel mazzo di prezzemolo

PREPARAZIONE
Scaldate il ghee in padella e fateci soffriggere la cipolla tritata finemente e gli spicchi d’aglio schiacciati (che poi toglierete). Sbucciate le patate, tagliatele a cubetti e fatele rosolare per qualche minuto con la cipolla, quindi aggiungete tutte le spezie. Dopo qualche minuto abbassate la fiamma, coprite il tegame e fate cuocere finchè le patate non saranno tenere (più o meno 20 minuti), mescolando di tanto in tanto ed aggiungendo acqua (circa mezzo bicchiere) se lo ritenete necessario. A fine cottura togliete gli spicchi d’aglio, aggiustate di sale, aggiungete il prezzemolo tritato, date un’ultima mescolata e servite.

Nota 1: al posto del prezzemolo servirebbe l’Assa Foetida (nome botanico: Ferula Assafoetida), in indiano nota anche con il nome Hing, una pianta nativa della Persia (Iran) famosa per il suo odore forte (dicono sia quasi ripugnante), molto simile all’aglio. Fa parte della famiglia delle Apiacee, la stesa famiglia del prezzemolo insomma, quindi diciamo che in mancanza di quest’erba puzzolente ho aggiunto, oltre a uno spicchio d’aglio in più, un bel po’ di prezzemolo 😉
Nota 2: per la ricetta “vera” servirebbero anche tre o quattro peperoncini verdi, ma io non ce la faccio manco ad annusarli quelli, perché a differenza dei peperoncini rossi, i verdi puzzano terribilmente di peperone… Quindi insomma, voi se volete metteteceli, io faccio senza 😉
Nota 3: alcune versioni prevedono anche l’aggiunta di un pomodoro a pezzetti 😉

Quanto alla musica, beccatevi i The Cure, con In Between Days… L’ho riascoltata l’altro giorno perchè fa parte della colonna sonora del film “La Doppia Ora” e… avevo dimenticato quant’è bella 😀

Pagina successiva

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: